Permessi per casette in legno: cosa fare per non incorrere in sanzioni

febbraio 15, 2017

Data la natura dell’argomento mettiamo subito in chiaro come bisogna comportarsi per l’installazione di una casetta in legno senza incorrere in sanzioni salatissime.
I permessi per casette in legno sono da richiedere oppure no? Secondo le norme vigenti in materia edilizia, prima di montare una casetta in legno, è onere e cura dell’acquirente dichiarare la propria struttura in legno o fare eseguire da un Tecnico abilitato le richieste, le autorizzazioni, i permessi e gli assensi delle autorità comunali.

 

Occorre avere delle autorizzazioni per tutte le tipologie di casette in legno?

Be’ dipende dai casi. A volte basta anche una semplice dichiarazione di inizio attività piuttosto che richiedere permessi per casette in legno.
Diciamo che sarebbe opportuno informare l’ente comunale dell’effettiva intenzione di voler installare un manufatto. Questo tutela maggiormente il vostro investimento. A livello burocratico, che si tratti di una riserva per gli attrezzi, uno spazio di gioco, uno chalet o un box auto, bisogna comunque dichiarare la propria casetta.

Permessi per casette in legno da giardino

 

Quali sono i principali vincoli di installazione?

Possono essere legate alle dimensioni in pianta della struttura e talvolta anche all’altezza, la distanza da confini o strade e vincoli di carattere ambientale-paesaggistico. 

 

Normativa sui permessi per casette in legno

La normativa in materia edilizia informa che qualsiasi manufatto realizzato su territorio italiano deve essere dotato di regolari permessi e autorizzazioni. Non esistono distinzioni tra strutture in legno e quelle in muratura così come non esistono distinzioni per strutture che necessitano di fondamenta e quelle appoggiate al suolo.
Questo vale a dire che, per tutte le casette in legno, è necessario avere le autorizzazioni per essere edificate.

Nell’eventualità le fonti Regionali o comunali non avessero specificata alcuna informazione, da considerare sarà la legge Nazionale. Di seguito una parte del Testo Unico delle Disposizioni legislative e regolamenti in materia edilizia, che dice:

Art. 6 – Attività edilizia libera
Salvo più restrittive disposizioni previste dalla disciplina regionale e dagli strumenti urbanistici, e comunque nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia e, in particolare, delle disposizioni contenute nel decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, i seguenti interventi possono essere eseguiti senza titolo abilitativo:

– Interventi di manutenzione ordinaria (cioè gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti);

– Interventi […] volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio;

– Opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico o siano eseguite in aree esterne al centro edificato.”

Per tutto il resto è necessario ricorrere ad un Permesso di Costruire (PDC ) o ad una D.I.A. (Denuncia di inizio attività).

 

Permessi per Casetta in legno da giardino

 

In quali casi bisogna richiedere dei permessi?

 
Bisogna fare riferimento alle leggi Regionali o alle specifiche definite dal comune. Generalmente le casette di piccole dimensioni (es: dai 6 ai 20 mq) rientrano in quella che viene definita Edilizia Libera. Ergo, non c’è bisogno di richiedere permessi per casette in legno. In questi casi è necessaria una semplice comunicazione d’installazione.
Per strutture superiori ai 20 mq diventa necessario rivolgersi ad un professionista. Perchè diventa necessario? Per consentirvi di preparare la documentazione necessaria da presentare in comune. A meno che non siate in grado di farlo da soli, un punto a vostro favore.
 

Legnaie

Le legnaie hanno spesso una struttura molto piccola e non richiedono particolari autorizzazioni. Per essere sicuri che non vada contro le regole stabilite dalla normativa comunale meglio dichiararne l’installazione.

 

Casette in legno

Generalmente rientrano nell’Edilizia libera. A seconda delle norme comunali hanno bisogno di una semplice dichiarazione d’installazione da presentare in Comune. Per strutture di ampia metratura bisogna presentare una relazione tecnica dell’opera che si intende realizzare. Assicurarsi che non vi sia bisogno di permessi per vincoli particolari, ad esempio di carattere paesaggistico-ambientale.

 

Box Auto

Nel caso non vi sia una diversa disposizione comunale, vige l’obbligo di presentare una relazione tecnica di quanto si intende realizzare. Nel caso di prefabbricati standard si consiglio di fornire anche delle foto che mostrino l’opera finita. Alcuni comuni prevedono la possibilità di realizzare opere semplicemente poggiate a terra e senza alcun permesso, ma è sempre meglio verificare l’effettiva possibilità sul vostro territorio.

 

Chioschi in legno

Anche in questo caso vige l’obbligo di presentare una relazione tecnica, salvo che per diversa disposizione comunale. Recarsi all’ufficio tecnico del comune potrebbe aiutarvi a ridurre i tempi di verifica che non vi sia altro tipo di documentazione da fornire.


Tecnico specializzato permessi casette in legno

 

Come procedere: Scegli un Tecnico abilitato 

A volte consultarsi con un professionista ci consente di risparmiare tempo e fatiche. Certo, la consulenza e il supporto di un tecnico specializzato richiede dei costi. Parliamo però di un intervento professionale, utile a risolvere una svariata quantità di problemi eventuali. Spesso anche in ottica futura.

Nel caso in cui ci si ritrovi a dover dichiarare una struttura complessa, che non rientra nei termini dell’Edilizia Libera, bisogna stilare una relazione tecnica. Questo tipo di documentazione deve descrivere in dettaglio le caratteristiche della struttura prefabbricata. In base alla qualità della relazione tecnica possono essere determinati i permessi per casette in legno.

 

Cosa deve dichiarare la relazione tecnica?

Bisogna illustrare dettagliatamente cosa si intende realizzare e, unitamente a questo, fornire:

  • Una pianta in scala che attesti le dimensioni dell’opera;
  • L’esatta collocazione;
  • Disposizione e rispetto delle distanze da proprietà altrui.

Tutto ciò deve essere firmato e approvato da un Tecnico autorizzato, in rappresentanza di responsabile dei lavori, che risponda alla figura di architetto, ingegnere o geometra. Quest’ultimo penserà a gestire le pratiche e ad inviare tutto il materiale agli enti di competenza. 

 

Lascia un commento

La tua opinione è preziosa.

Attendi per favore ...